Tag:

Leica 90mm f/2.5 Summarit M

Cena Con Me

Milan (Italy). Imagine… thousands of people attending a dinner without knowing anything – really anything, including the location – since few hours before the scheduled time. Only few rules, being the most important one on the dress code.

White!

Yes, this is the spirit of Cena Con Me, an event I already photographed a couple of years ago, but that every time is a surprise. The organizers create the event on Facebook and collects the requests. Then, it communicates the location (in Milan) 5 hours before the time. Since that moment, people start collecting all the items prepared in the past weeks and gather to the selected place.

It happens therefore that a pacific place suddenly becomes a mess: a “white wave” made of people, tables, chairs, plates, glasses, balloons, candle holders, flowers, accessorizes… everything is rigorously white.

Beyond the color, there are few more basic rules: respecting the location leaving the place as it was before the event – therefore carrying away any sort of garbage; and closing the event at midnight.

Under the tag “Cena Con Me 2017” I’m posting some photos of the event. The location is Piazzale Giulio Cesare, the heart of City Life, a very interesting new development, with the amazing skyscrapers of Zaha Hadid and Arata Isozaki in the background.


Milano. Immagina… migliaia di persone che partecipano a una cena senza sapere niente – ma veramente niente, compresa la location – fino a poche ore prima dell’orario programmato. Solo poche regole, tra cui la più importante riguarda l’abbigliamento.

Bianco!

Si, questo è lo spirito di Cena Con Me, un evento che ho già fotografato in passato un paio di anni fa, ma che ogni volta è una sorpresa. Gli organizzatori creano l’evento su Facebook e raccolgono le richieste di partecipazione. Successivamente, comunicano il luogo di svolgimento (a Milano) 5 ore prima l’orario programmato. Da quel momento, la gente inizia a prendere tutte le cose preparate nelle settimane precedenti e a ritrovarsi presso il luogo stabilito.

Succede quindi che una piazza tranquilla diventi improvvisamente un caos: una “onda bianca” fatta di persone, tavoli, sedie, piatti, bicchieri, palloncini, candelabri, fiori, accessori… tutto è rigorosamente bianco.

Oltre al colore, ci sono poche regole di base: rispettare la location lasciando il posto come lo si è trovato prima dell’evento – quindi portando via ogni tipo di rifiuto; e chiudere l’evento a mezzanotte.

Con il tag “Cena Con Me 2017” posto alcune foto dell’evento. La location scelta quest’anno era Piazzale Giulio Cesare, nel cuore di City Life, un nuovo sviluppo urbano molto interessante, con sullo sfondo i bellissimi grattacieli disegnati da Zaha Hadid e da Arata Isozaki.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
The Magra River Crossing Pontremoli

Pontremoli (Italy). A partial view of Pontremoli, “comfortably” captured last summer from my terrace. Contemplating the Magra river “caressing” Pontremoli on a summer evening, gives me an uncommon sense of interior peace. I frequently come back to watch photos like this one, precisely because they are able to offer me some minutes of suspension from daily hectic activities. Moreover, adding the fact that outside it’s cold and rainy – as it is today – photos such as this one become an authentic refugee… Waiting for the next summer and another photo of Pontremoli and of its Magra river to capture.


Pontremoli. Uno scorcio del paese vecchio preso “comodamente” dal terrazzo di casa durante la scorsa estate. Ammirare il fiume Magra “accarezzare” Pontremoli durante le serate estive riesce a darmi un senso di pace non comune. Torno spesso a guardare foto come questa, proprio per la capacità che hanno nel regalarmi qualche minuto di sospensione dalle frenetiche attività quotidiane. Se poi si aggiunge il fatto – come oggi – che fuori piove e fa freddo, allora la foto diventa un vero e proprio rifugio, in attesa della prossima estate e di un’altra foto di Pontremoli e del suo fiume Magra.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cena Con Me

Milan (Italy). Imagine… thousands of people attending a dinner without knowing anything – really anything, including the location – since few hours before the scheduled time. Only few rules, being the most important one on the dress code.

White!

Yes, this is the spirit of Cena Con Me, an event I already photographed a couple of years ago, but that every time is a surprise. The organizers create the event on Facebook and collects the requests. Then, it communicates the location (in Milan) 5 hours before the time. Since that moment, people start collecting all the items prepared in the past weeks and gather to the selected place.

It happens therefore that a pacific place suddenly becomes a mess: a “white wave” made of people, tables, chairs, plates, glasses, balloons, candle holders, flowers, accessorizes… everything is rigorously white.

Beyond the color, there are few more basic rules: respecting the location leaving the place as it was before the event – therefore carrying away any sort of garbage; and closing the event at midnight.

Under the tag “Cena Con Me 2017” I’m posting some photos of the event. The location is Piazzale Giulio Cesare, the heart of City Life, a very interesting new development, with the amazing skyscrapers of Zaha Hadid and Arata Isozaki in the background.


Milano. Immagina… migliaia di persone che partecipano a una cena senza sapere niente – ma veramente niente, compresa la location – fino a poche ore prima dell’orario programmato. Solo poche regole, tra cui la più importante riguarda l’abbigliamento.

Bianco!

Si, questo è lo spirito di Cena Con Me, un evento che ho già fotografato in passato un paio di anni fa, ma che ogni volta è una sorpresa. Gli organizzatori creano l’evento su Facebook e raccolgono le richieste di partecipazione. Successivamente, comunicano il luogo di svolgimento (a Milano) 5 ore prima l’orario programmato. Da quel momento, la gente inizia a prendere tutte le cose preparate nelle settimane precedenti e a ritrovarsi presso il luogo stabilito.

Succede quindi che una piazza tranquilla diventi improvvisamente un caos: una “onda bianca” fatta di persone, tavoli, sedie, piatti, bicchieri, palloncini, candelabri, fiori, accessori… tutto è rigorosamente bianco.

Oltre al colore, ci sono poche regole di base: rispettare la location lasciando il posto come lo si è trovato prima dell’evento – quindi portando via ogni tipo di rifiuto; e chiudere l’evento a mezzanotte.

Con il tag “Cena Con Me 2017” posto alcune foto dell’evento. La location scelta quest’anno era Piazzale Giulio Cesare, nel cuore di City Life, un nuovo sviluppo urbano molto interessante, con sullo sfondo i bellissimi grattacieli disegnati da Zaha Hadid e da Arata Isozaki.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cena Con Me

Milan (Italy). Imagine… thousands of people attending a dinner without knowing anything – really anything, including the location – since few hours before the scheduled time. Only few rules, being the most important one on the dress code.

White!

Yes, this is the spirit of Cena Con Me, an event I already photographed a couple of years ago, but that every time is a surprise. The organizers create the event on Facebook and collects the requests. Then, it communicates the location (in Milan) 5 hours before the time. Since that moment, people start collecting all the items prepared in the past weeks and gather to the selected place.

It happens therefore that a pacific place suddenly becomes a mess: a “white wave” made of people, tables, chairs, plates, glasses, balloons, candle holders, flowers, accessorizes… everything is rigorously white.

Beyond the color, there are few more basic rules: respecting the location leaving the place as it was before the event – therefore carrying away any sort of garbage; and closing the event at midnight.

Under the tag “Cena Con Me 2017” I’m posting some photos of the event. The location is Piazzale Giulio Cesare, the heart of City Life, a very interesting new development, with the amazing skyscrapers of Zaha Hadid and Arata Isozaki in the background.


Milano. Immagina… migliaia di persone che partecipano a una cena senza sapere niente – ma veramente niente, compresa la location – fino a poche ore prima dell’orario programmato. Solo poche regole, tra cui la più importante riguarda l’abbigliamento.

Bianco!

Si, questo è lo spirito di Cena Con Me, un evento che ho già fotografato in passato un paio di anni fa, ma che ogni volta è una sorpresa. Gli organizzatori creano l’evento su Facebook e raccolgono le richieste di partecipazione. Successivamente, comunicano il luogo di svolgimento (a Milano) 5 ore prima l’orario programmato. Da quel momento, la gente inizia a prendere tutte le cose preparate nelle settimane precedenti e a ritrovarsi presso il luogo stabilito.

Succede quindi che una piazza tranquilla diventi improvvisamente un caos: una “onda bianca” fatta di persone, tavoli, sedie, piatti, bicchieri, palloncini, candelabri, fiori, accessori… tutto è rigorosamente bianco.

Oltre al colore, ci sono poche regole di base: rispettare la location lasciando il posto come lo si è trovato prima dell’evento – quindi portando via ogni tipo di rifiuto; e chiudere l’evento a mezzanotte.

Con il tag “Cena Con Me 2017” posto alcune foto dell’evento. La location scelta quest’anno era Piazzale Giulio Cesare, nel cuore di City Life, un nuovo sviluppo urbano molto interessante, con sullo sfondo i bellissimi grattacieli disegnati da Zaha Hadid e da Arata Isozaki.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Lunar Eclipse

Porto Cervo (Italy). It’s small, but it’s possible to see that the moon looks partially bitten due to the earth’s shadow on it. From the lunar eclipse of August 7th, 2017.


Porto Cervo (Sardegna, Italia). Anche se piccola, si può vedere che la luna sembra parzialmente “morsicata” a causa dell’ombra della terra. Eclissi lunare, 7 Agosto 2017

 

1 Facebook Twitter Google + Pinterest
Flying Over the Alps (From Milan to Paris AZ 350)

Omegna (Italy). Being a commuter between Milan and Paris has its advantages. Days ago I left Milan with a very thick fog onboard of the usual Alitalia flight AZ 350, but once I was flying above the Alps (more or less I appraised I was flying over Omegna) I noticed this landscape out of the window. The fog is still there covering the Po Valley, whereas the Pre-Alps and the Alps are sun-kissed.

I love photographing from an airplane. It’s a bit annoying when the internal glass is dirty, but fortunately almost every carrier gives some wet wipes, which can be perfect to clean the internal part of the window.

To take this photo I used the fantastic Leica Summarit-M 1:2.5/90.


Omegna (Verbano-Cusio-Ossola). Essere pendolare tra Milano e Parigi ha i suoi vantaggi. Giorni fa ho lasciato Milano sotto una nebbia molto fitta con il mio consueto volo Alitalia AZ 350, ma una volta sopra le Alpi (più o meno ho calcolato che stessi volando sopra Omegna) ho notato questo panorama fuori dal finestrino. C’era ancora la nebbia che copriva la Pianura Padana, mentre le Pre-Alpi e le Alpi erano baciate dal sole.

Mi piace molto fotografare dall’aereo. E’ un po’ fastidioso quando il vetro interno è sporco, ma per fortuna quasi tutte le compagnie aeree offrono delle salviette umidificate che sono perfette per pulire la parte interna del finestrino.

Per scattare questa foto ho usato il fantastico obbiettivo Leica Summarit-M 1:2.5/90.

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cena Con Me

Milan (Italy). Imagine… thousands of people attending a dinner without knowing anything – really anything, including the location – since few hours before the scheduled time. Only few rules, being the most important one on the dress code.

White!

Yes, this is the spirit of Cena Con Me, an event I already photographed a couple of years ago, but that every time is a surprise. The organizers create the event on Facebook and collects the requests. Then, it communicates the location (in Milan) 5 hours before the time. Since that moment, people start collecting all the items prepared in the past weeks and gather to the selected place.

It happens therefore that a pacific place suddenly becomes a mess: a “white wave” made of people, tables, chairs, plates, glasses, balloons, candle holders, flowers, accessorizes… everything is rigorously white.

Beyond the color, there are few more basic rules: respecting the location leaving the place as it was before the event – therefore carrying away any sort of garbage; and closing the event at midnight.

Under the tag “Cena Con Me 2017” I’m posting some photos of the event. The location is Piazzale Giulio Cesare, the heart of City Life, a very interesting new development, with the amazing skyscrapers of Zaha Hadid and Arata Isozaki in the background.


Milano. Immagina… migliaia di persone che partecipano a una cena senza sapere niente – ma veramente niente, compresa la location – fino a poche ore prima dell’orario programmato. Solo poche regole, tra cui la più importante riguarda l’abbigliamento.

Bianco!

Si, questo è lo spirito di Cena Con Me, un evento che ho già fotografato in passato un paio di anni fa, ma che ogni volta è una sorpresa. Gli organizzatori creano l’evento su Facebook e raccolgono le richieste di partecipazione. Successivamente, comunicano il luogo di svolgimento (a Milano) 5 ore prima l’orario programmato. Da quel momento, la gente inizia a prendere tutte le cose preparate nelle settimane precedenti e a ritrovarsi presso il luogo stabilito.

Succede quindi che una piazza tranquilla diventi improvvisamente un caos: una “onda bianca” fatta di persone, tavoli, sedie, piatti, bicchieri, palloncini, candelabri, fiori, accessori… tutto è rigorosamente bianco.

Oltre al colore, ci sono poche regole di base: rispettare la location lasciando il posto come lo si è trovato prima dell’evento – quindi portando via ogni tipo di rifiuto; e chiudere l’evento a mezzanotte.

Con il tag “Cena Con Me 2017” posto alcune foto dell’evento. La location scelta quest’anno era Piazzale Giulio Cesare, nel cuore di City Life, un nuovo sviluppo urbano molto interessante, con sullo sfondo i bellissimi grattacieli disegnati da Zaha Hadid e da Arata Isozaki.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cena Con Me

Milan (Italy). Imagine… thousands of people attending a dinner without knowing anything – really anything, including the location – since few hours before the scheduled time. Only few rules, being the most important one on the dress code.

White!

Yes, this is the spirit of Cena Con Me, an event I already photographed a couple of years ago, but that every time is a surprise. The organizers create the event on Facebook and collects the requests. Then, it communicates the location (in Milan) 5 hours before the time. Since that moment, people start collecting all the items prepared in the past weeks and gather to the selected place.

It happens therefore that a pacific place suddenly becomes a mess: a “white wave” made of people, tables, chairs, plates, glasses, balloons, candle holders, flowers, accessorizes… everything is rigorously white.

Beyond the color, there are few more basic rules: respecting the location leaving the place as it was before the event – therefore carrying away any sort of garbage; and closing the event at midnight.

Under the tag “Cena Con Me 2017” I’m posting some photos of the event. The location is Piazzale Giulio Cesare, the heart of City Life, a very interesting new development, with the amazing skyscrapers of Zaha Hadid and Arata Isozaki in the background.


Milano. Immagina… migliaia di persone che partecipano a una cena senza sapere niente – ma veramente niente, compresa la location – fino a poche ore prima dell’orario programmato. Solo poche regole, tra cui la più importante riguarda l’abbigliamento.

Bianco!

Si, questo è lo spirito di Cena Con Me, un evento che ho già fotografato in passato un paio di anni fa, ma che ogni volta è una sorpresa. Gli organizzatori creano l’evento su Facebook e raccolgono le richieste di partecipazione. Successivamente, comunicano il luogo di svolgimento (a Milano) 5 ore prima l’orario programmato. Da quel momento, la gente inizia a prendere tutte le cose preparate nelle settimane precedenti e a ritrovarsi presso il luogo stabilito.

Succede quindi che una piazza tranquilla diventi improvvisamente un caos: una “onda bianca” fatta di persone, tavoli, sedie, piatti, bicchieri, palloncini, candelabri, fiori, accessori… tutto è rigorosamente bianco.

Oltre al colore, ci sono poche regole di base: rispettare la location lasciando il posto come lo si è trovato prima dell’evento – quindi portando via ogni tipo di rifiuto; e chiudere l’evento a mezzanotte.

Con il tag “Cena Con Me 2017” posto alcune foto dell’evento. La location scelta quest’anno era Piazzale Giulio Cesare, nel cuore di City Life, un nuovo sviluppo urbano molto interessante, con sullo sfondo i bellissimi grattacieli disegnati da Zaha Hadid e da Arata Isozaki.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Photographing Milan (Taking Off From Linate Airport)

Milan (Italy – but on the way to Paris, France). I’m a frequent flyer to Paris from Milan: usually, mine are just business trips, and unfortunately they are too short to let me walk free, photographing around Paris (the “Ville Lumiere”). For this reason, I normally don’t bring any of my cameras with me – except the Ricoh GR, which is always with me in my suit pocket.

However, some days before – when I was visiting a photographic exhibition – I noticed an old black and white picture of Milan, taken (I guessed) from an airplane. I thought at the end, that landscape deserved to be photographed, even for the simple purpose of documenting the urban development of probably the most vibrant and dynamic city in Italy.

So, while the plane was moving from the parking area to the take-off strip, I prepared my camera expressly brought to capture this image (for the occasion, I decided to use a Summarit-M 1:2.5/90 mm lens) and a few seconds after leaving the ground, I was at the to take aerial photos of Milan under me. And frankly speaking, considering the window (and the glass, which is not the highest quality one – in photographic terms), I think I can be satisfied.


Milano (Italia – ma sulla rotta per Parigi, Francia). Mi capita spesso di volare da Milano a Parigi: di solito si tratta di viaggi per motivi di lavoro, e purtroppo sono sempre talmente brevi da non darmi modo di farmi un fotografico per la Ville Lumiere. Per questo, evito di portarmi la macchina fotografica (giusto la Ricoh GR che ho sempre con me nella tasca della giacca).

Tuttavia, alcuni giorni fa mentre visitavo una mostra fotografica, ho visto una vecchia foto di Milano, in bianco e nero, scattata dall’alto (presumibilmente da un aereo). Ho pensato che alla fine, quel panorama meritava una fotografia, anche per il solo fatto di documentare il cambiamento urbanistico di quella che forse è la città più dinamica d’Italia.

E così, mentre l’aereo muoveva dal parcheggio alla pista di decollo, ho preparato la mia macchina fotografica appositamente portata per scattare questa immagine (per l’occasione ho deciso di usare un obbiettivo Summarit-M 1:2.5/90 mm) e pochi secondi dopo aver lasaciato terra, ero al finestrino che scattavo foto aeree di Milano sotto di me. E sinceramente, nonostante appunto il finestrino (il cui vetro non è certo della miglior qualità – in termini fotografici) penso di potermi ritenere soddisfatto…

0 Facebook Twitter Google + Pinterest