Tag:

Leica M-D

The Sassolungo Mountain (Between Two Rainbows)

Ortisei (Italy). It was heavily raining, but a strong sun was shining from the valley down at West. The Sassolungo mountain, one of the most impressive of the entire Dolomites chain, was still hidden by the heavy and thick clouds. I knew there were the typical conditions for a rainbow, but I would never have expected a double rainbow framing the mountain. It was a magic moment: impossible resisting to the temptation of photographing it (as I did, keeping the umbrella with my shoulder and my neck…)

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
City Lights Rainy Nights (in Paris)

Paris (France). Rain in Paris is not necessarily an bad event. I like photographing the city’s landscape with raindrops running down the window’s glass. Here, I was at the 38th floor of a building (the EDF Tower at La Defense), definitely a privileged position for such landscapes.


Parigi. Parigi con la pioggia può non essere così male. Mi piace fotografare il panorama urbano con le gocce d’acqua che scendono giù lungo il vetro della finestra. Qui ero al 38esimo piano di un palazzo (la Torre EDF a La Defense), decisamente una posizione privilegiata per questo tipo di panorami.

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Bar Luce by Wes Anderson (Fondazione Prada)

Milan (Italy). The Bar Luce is a cool place, for many reasons. First, because its designer is a certain Wes Anderson, one of my favorite movie directors (he’s the author of unforgettable movies such as “The Royal Tenenbaums”, “Fantastic Mr. Fox”, “Moonrise Kingdom” and “The Gran Budapest Hotel”). Second, because this place is inside the Prada Foundation, today one of the most interesting place for contemporary art in Milan.Third, because thanks to its interior design, its floor and to elements such as two old pinball machines and a jukebox, walking into the Bar Luce seems like going back to 1960s.

I recommend coming here early in the morning (they serve brioches coming from the Pasticceria Marchesi, the same one located in Corso Magenta and Galleria Vittorio Emanuele), better avoiding weekends. If you are allergic to hipsters, new normal and radical chic, get ready.

However I repeat, the Bar Luce inside the Fondazione Prada is a cool place…


Milano. Il Bar Luce è un posto figo, per diversi motivi. Per prima cosa, perchè il suo progettista è un certo Wes Anderson, uno dei miei registi preferiti (sono suoi film memorabili come “I Tenenbaum”, “Fantastic Mr. Fox”, “Moonrise Kingdom” e “Gran Budapest Hotel”). Secondo, perchè la location è all’interno della Fondazione Prada, uno degli spazi contemporanei più belli a Milano oggi. Terzo, perchè grazie agli arredi, ai pavimenti e ad accessori come due vecchi flipper e un juke-box, entrando al Bar Luce sembra di andare indietro nel tempo agli anni ’60.

Consiglio di andarci la mattina presto (le brioches vengono dalla Pasticceria Marchesi, la stessa di Corso Magenta e della Galleria Vittorio Emanuele) meglio ancora evitando il fine settimana. Se siete allergici a hipster, new normal e radical chic di vario genere, è bene che vi prepariate.

Comunque ripeto, il Bar Luce dentro la Fondazione Prada è un posto figo…

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
The Exedra of Villa Manin

Passariano di Codroipo (Italy). I have photographed several times Villa Manin, an architectural masterpiece of the eighteenth century and today location for many important exhibitions. But I have always photographed its facade, both by day and by night, behind the big gate that closes the entrance. But some days ago, aided by a fantastic autumn sunset, I thought to turn the back to the main part of the building and to photograph the impressive exedra: a sequence of arcs and columns that seems hugging all those admiring it.


Passariano di Codroipo (Udine). Ho fotografato diverse volte la bellissima Villa Manin, gioiello di architettura del ‘700 e oggi sede di importanti mostre. Ma ne ho sempre fotografato la facciata, sia di giorno che di notte, dietro l’enorme cancello che ne delimita l’ingresso. Ma alcuni giorni fa, complice anche un meraviglioso tramonto autunnale, ho pensato di dare le spalle al corpo principale della villa e di fotografarne l’imponente esedra: una sequenza di archi e colonne che sembra abbracciare tutti quelli che la ammirano.

1 Facebook Twitter Google + Pinterest
The Supremacy of Man Over Other Creatures (at the Muséum d’Histoire Naturelle in Paris)

Paris (France). As in my previous post, this is the result of some hours spent playing with a Leica Summicron-M 1:2/50 lens at the Muséum National d’Histoire Naturelle, inside the Gallery of Palaeontology and Comparative Anatomy (Les galeries d’anatomie comparée et de paléontologie).


Parigi. Come nel mio post precedente, questo è il risultato di alcune ore passate giocando con un obbiettivo Leica Summicron-M 1:2/50 al Museo Nazionale di Storia Naturale, all’interno della Galleria di Paleontologia e di Anatomia Comparata (Les galeries d’anatomie comparée et de paléontologie).

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Our Life Is Very Much Like the Movie Playing On the Screen

Naples (Italy). Life can be lived in many different ways. Mine is watching – and photographing – around me. Because wherever I go, there’s always something interesting to observe. Here I was in Naples, at the Montesanto train station. My attention was on the train waiting to leave at the opposite platform of mine: just few seconds to take the camera, focus the scene and capture this image. That’s it.


Napoli. La vita può essere vissuta in diversi modi. La mia è vissuta guardando – e fotografando – attorno a me. Perchè ovunque io vada, c’è sempre qualcosa di interessante da osservare. Qui ero a Napoli, alla stazione ferroviaria Montesanto. La mia attenzione era sul treno che aspettava di partire al binario opposto al mio: sono bastati pochi secondi per prendere la macchina fotografica, mettere a fuoco la scena e catturare questa immagine. Tutto qui.

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Afterwork at the Esplanade de la Defense n.1

Paris (France). I frequently spend my after-work time walking around La Défense, a place where I come frequently (even now I’m on a flight from Milan to Paris); and that I have been photographing for years (most of my photos at La Defense are posted under this tag expressly created). Every time I wonder the same questions about this place. Do I like it? Honestly, I don’t know. How it could be living here? I can hardly answer this question too, and I admit I find myself watching residents trying to understand how is the quality of their lives. But the question in absolute terms most difficult to answer is always the same: how will be this place in – I don’t know, let’s say – ten years?

Yet, I must admit that in terms of photography, La Defense is still one of the most interesting places to explore in Paris; its architectures and its urban development are worth being analysed with attention, especially because they reveal a sort of historical stratification. Since the end of the ’50s, with the construction of the CNIT (Centre des nouvelles industries et technologies) building, through the ’70s and the ’80s with buildings such as the Tour Areva and the Tour Total, until beginning of 2000 with the erection of more futuristic skyscrapers like the Tour EDF, La Defense has become the largest business park in Europe.

Very personally, the feeling I have when I walk along its extended “Esplanade”, between the Grand Arche and the fountain close to Neully-sur-Seine, is the one of a place that has begun a slow but relentless and conscious decadence (even if embellished by marvelous early fall sunsets), and that for some aspects is even proud of it, according to the most typical Parisian style. The economic crisis, which has not spared France, the competition with other “banlieues”, which are trying to attract similar developments, and the transportation network, which has already reached its maximum capacity and therefore can’t increase the number of commuters transported daily, are posing serious obstacles to the growth of this area and probably it couldn’t be different.

If it’s true that knowing the past is necessary to understand the future, I think that the future of La Defense is written into its glorious (albeit unique) past, in its having been a symbol for the 20th century’s city planners, but also a place that has lost its leadership in favor of new different models. But It is still a place that is worth being visited and photographed, possibly posing some questions: and if someone has the answer(s) to mine, I’d be glad to know it.


Parigi. La Defense è una zona di Parigi che frequento molto per lavoro (anche adesso sono su un volo da Milano a Parigi) e dove mi capita spesso di camminare: nel tempo ho scattato diverse fotografie, che pubblico qui nel blog con un tag appositamente creato, e ogni volta mi interrogo su come sia questo posto. Mi piace? Non lo so. Come potrebbe essere vivere qui? Anche questa sinceramente è una domanda a cui rispondo a fatica, tanto che – lo ammetto – mi ritrovo a guardare con curiosità i residenti, cercando di capire la qualità della loro vita. Ma la domanda in assoluto più difficile è sempre la stessa: come sarà questo posto tra – non so, diciamo – dieci anni?

Eppure, devo ammettere che dal punto di vista fotografico rimane uno dei posti più interessanti di Parigi da esplorare; le sue architetture e il suo sviluppo urbanistico meritano di essere osservate con attenzione, soprattutto perché rivelano una sorta di “stratificazione” storica. Tra la fine degli anni ’50, con la costruzione dell’edificio CNIT (Centre des nouvelles industries et technologies), attraverso gli anni ’70 e ’80 con edifici come la Torre Areva e la Torre Total, fino a inizio 2000 con la realizzazione di grattacieli più avveniristici (tra cui la Torre EDF), La Defense ha visto uno sviluppo che l’ha portata a essere il più grande centro direzionale d’Europa.

Molto personalmente, la sensazione che si ha camminando dopo una giornata di lavoro lungo la sua enorme “Esplanade”, dal Grand Arche alla fontana in prossimità di Neully-sur-Seine, è quella di un posto che ha iniziato una lenta ma inesorabile e consapevole decadenza (magari abbellita dai meravigliosi tramonti di inizio autunno), e che per certi aspetti riesce ad andare fiero di questa cosa, nel più classico stile parigino. La crisi economica che ha colpito anche la Francia, la competizione di altre zone della banlieue che cercano di attirare analoghi sviluppi urbanistici e la saturazione dei mezzi di trasporto che difficilmente potrebbero portare nuovi afflussi di persone, stanno creando dei seri ostacoli alla crescita di questa area, e probabilmente non potrebbe essere diversamente.

Se è vero che per capire il futuro bisogna conoscere il passato, penso che il futuro di questo posto sia scritto nella sua storia gloriosa ma irripetibile, nel suo essere stato un luogo simbolo per l’urbanistica del ventesimo secolo ma che oggi ha perso la sua leadership a favore di altri modelli. Ma che rimane un posto da vedere, da fotografare, e sul quale porsi certe domande: e se qualcuno – alle mie – può darmi una risposta, sarei ben lieto di saperlo.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Photographing Milan (Taking Off From Linate Airport)

Milan (Italy – but on the way to Paris, France). I’m a frequent flyer to Paris from Milan: usually, mine are just business trips, and unfortunately they are too short to let me walk free, photographing around Paris (the “Ville Lumiere”). For this reason, I normally don’t bring any of my cameras with me – except the Ricoh GR, which is always with me in my suit pocket.

However, some days before – when I was visiting a photographic exhibition – I noticed an old black and white picture of Milan, taken (I guessed) from an airplane. I thought at the end, that landscape deserved to be photographed, even for the simple purpose of documenting the urban development of probably the most vibrant and dynamic city in Italy.

So, while the plane was moving from the parking area to the take-off strip, I prepared my camera expressly brought to capture this image (for the occasion, I decided to use a Summarit-M 1:2.5/90 mm lens) and a few seconds after leaving the ground, I was at the to take aerial photos of Milan under me. And frankly speaking, considering the window (and the glass, which is not the highest quality one – in photographic terms), I think I can be satisfied.


Milano (Italia – ma sulla rotta per Parigi, Francia). Mi capita spesso di volare da Milano a Parigi: di solito si tratta di viaggi per motivi di lavoro, e purtroppo sono sempre talmente brevi da non darmi modo di farmi un fotografico per la Ville Lumiere. Per questo, evito di portarmi la macchina fotografica (giusto la Ricoh GR che ho sempre con me nella tasca della giacca).

Tuttavia, alcuni giorni fa mentre visitavo una mostra fotografica, ho visto una vecchia foto di Milano, in bianco e nero, scattata dall’alto (presumibilmente da un aereo). Ho pensato che alla fine, quel panorama meritava una fotografia, anche per il solo fatto di documentare il cambiamento urbanistico di quella che forse è la città più dinamica d’Italia.

E così, mentre l’aereo muoveva dal parcheggio alla pista di decollo, ho preparato la mia macchina fotografica appositamente portata per scattare questa immagine (per l’occasione ho deciso di usare un obbiettivo Summarit-M 1:2.5/90 mm) e pochi secondi dopo aver lasaciato terra, ero al finestrino che scattavo foto aeree di Milano sotto di me. E sinceramente, nonostante appunto il finestrino (il cui vetro non è certo della miglior qualità – in termini fotografici) penso di potermi ritenere soddisfatto…

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Piazzetta Di Brera (Francesco Hayez)

Milan (Italy). Sunday afternoon walk around home… Piazzetta di Brera is a hidden corner close to the famous Brera Museum. The statue represents the famous artist Francesco Hayez, which lived in the XIX century and was also professor at the Brera Academy


Milano. Camminata pomeridiana intorno a casa. La Piazzetta di Brera è un angolo nascosto vicino al famoso Museo. La statua rappresenta il famoso artista Francesco Hayez, che visse nel 19esimo secolo e fu anche professore all’Accademia di Belle Arti di Brera.

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts