Tag:

Leica M-D

Walking Toward New Architectures (Milano, Porta Nuova)

Milan (Italy). Taken last Saturday from Alvar Aalto square, a new place created with the requalification of the so called “Varesine” district. Sometimes I like coming here and shooting some photos around me. Not only because you can meet interesting people, everyone with a very personal style and doing different things: skaters, businessmen, hipsters (so many!), dancers, families, dog sitters and so on. But also because this mix of lifestyles is projected against the same background given by the new architectures of Porta Nuova, such as the UniCredit Tower (probably one of my most photographed landmark in Milan) but also the UniCredit pavilion, the Bosco Vericale (“Vertical Forest”), the Solaria Tower (at my back in this photo) and the less famous “E1-E2 building” (or “Porta Nuova buildign”, the one at the left).

I always find very inspiring contrasts here: every lifestyle has its own relationship with the urban environment, and each of them perfectly makes sense. The businessman perfectly fits with these architectures, and so does the hipster or the skater, as well as the dog sitter and the family. This means – to my eyes – “architectural versatility”: a great asset for a place, which has therefore the right characteristic for people integration.

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Our Life Is Very Much Like the Movie Playing On the Screen

Naples (Italy). Life can be lived in many different ways. Mine is watching – and photographing – around me. Because wherever I go, there’s always something interesting to observe. Here I was in Naples, at the Montesanto train station. My attention was on the train waiting to leave at the opposite platform of mine: just few seconds to take the camera, focus the scene and capture this image. That’s it.


Napoli. La vita può essere vissuta in diversi modi. La mia è vissuta guardando – e fotografando – attorno a me. Perchè ovunque io vada, c’è sempre qualcosa di interessante da osservare. Qui ero a Napoli, alla stazione ferroviaria Montesanto. La mia attenzione era sul treno che aspettava di partire al binario opposto al mio: sono bastati pochi secondi per prendere la macchina fotografica, mettere a fuoco la scena e catturare questa immagine. Tutto qui.

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Bibilioteca Braidense (Library)

Milan (Italy). The Braidense Library is a magic destination: I have been desiring to visit it for long time, and I admit I feel guilty for not having done it before. But since in the weekends it’s open only on Saturday morning, I’m partially justified.

Anyhow, last Saturday I finally could visit and photograph it, and it has been really an amazing experience. The Braidense Library was founded in 1786 by Maria Theresa Archduchess of Austria opening to everyone the private library of Carlo Pertusati, and it is hosted in the seventeenth-century Brera building. Before, the only public library in Milan was the Biblioteca Ambrosiana, which was rich of manuscripts but not of printed books. In the years, through several donations and acquisitions, the Biblioteca Braidense arrived to have 1,500,000 volumes and still today is a place where for consultation, reading and studying (since that some in some rooms taking photos is allowed).

I think I will come back to visit this unique place soon. Libraries – and especially the Braidense one – have a very peculiar appeal: they are able to merge history with culture, technique with knowledge organization, and in a time like the current one, in which everything is at “mouse’s length” and with a string on Google it is possible to find every kind of information, thinking about how were the research and the cataloging is rather exciting. And just the fact that a place which has been arranged for the culture, can be thought not only to be functional, but also to be aesthetically beautiful, I think it’s something of extraordinary.

Probably, today’s generations – the so called Generation Z, but probably also Millennials – never opened an encyclopedia, made a bibliographic research or borrowed a book from a library. Today there’s Wikipedia, there are search engines, there are e-readers like Kindle (which I’m a big fan of, to be clear). However, I remember when I was at school and used to go to the library for my researches: at those times I was already so fascinated by all that knowledge so concentrated in such a small space, that I was at the same time enthusiast and unsuitable. Yes, this is the key! A physical perception of knowledge: internet does not give this possibility. A library does! And tomorrow, I’m sure of it, there will be tools to access to knowledge even faster and smarter than Google or Wikipedia; but there will still be also someone – like me – that on Saturday morning will decide to go and take photos at a marvelous place such as the Braidense Library


Milano. La Biblioteca Braidense è un posto magico: desideravo vederla da tempo, e riconosco la mia colpa per non averlo fatto prima. Ma dal momento che nel fine settimana è aperta solo il sabato mattina, mi ritengo parzialmente giustificato.

Ad ogni modo, sabato scorso sono finalmente riuscito a visitarla e a fotografarla, ed è stata veramente un’esperienza emozionante. La Biblioteca Braidense deve la sua apertura a Maria Teresa d’Austria la quale, nel 1786, aprì al pubblico la biblioteca privata del conte Carlo Pertusati all’interno del seicentesco palazzo di Brera, nell’omonimo quartiere nel cuore di Milano. Sino ad allora, l’unica biblioteca pubblica era la Biblioteca Ambrosiana, che però era ricca di manoscritti ma non di libri stampati. Negli anni, attraverso una serie di lasciti e di acquisizioni, la Biblioteca Braidense è arrivata ad ospitare 1,500,000 volumi e ancora oggi è un luogo di consultazione, di lettura e di studio (tanto che non tutte le sue sale sono fotografabili).

Credo che ci tornerò presto e spesso in questo posto unico. Le biblioteche – e la Braidense in particolare – hanno un fascino tutto loro: sono luoghi che fondono la storia e la cultura, la tecnica e l’organizzazione del sapere. In un’epoca come quella attuale, in cui tutto è a portata di mouse e basta una stringa di Google per trovare ogni sorta di informazione possibile, pensare a come era una volta la ricerca e la catalogazione delle informazioni è emozionante. E il solo fatto che un luogo predisposto alla cultura possa essere concepito non solo per essere funzionale, ma anche per essere esteticamente bello, secondo me è un qualcosa di straordinario.

Forse le generazioni di oggi – in primis la cosiddetta Generazione Z, ma probabilmente gli stessi Millennials – non hanno mai sfogliato un’enciclopedia, fatto una ricerca bibliografica o preso un libro in prestito. Oggi c’è Wikipedia, ci sono i motori di ricerca, ci sono gli e-readers come Kindle (di cui io stesso – intendiamoci – sono un grande sostenitore). Eppure ricordo quando ero al liceo e facevo le mie ricerche andando in biblioteca: già all’epoca ero così affascinato da tutto quel sapere concentrato in un unico posto, che mi sentivo al tempo stesso entusiasta e inadeguato. Ecco, forse è questa la chiave di tutto: la concentrazione del sapere e la sua percezione “fisica e sensoriale”: internet non trasmette questa percezione, inuttile illudersi. Una biblioteca si. E un domani, ne sono certo, ci saranno strumenti di accesso al sapere ancora più completi e rapidi di Google o Wikipedia; ma ci sarà anche sempre qualcuno che – come me – il sabato mattina deciderà di andare a fotografare un posto meraviglioso come la Biblioteca Braidense.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Florence by Night (Landscape from Villa Bardini)

Florence (Italy). This is a postcard; an “easy” postcard. I know. And I’m not a big fan of this type of photos. But it’s also Florence, my city, captured from probably the best observatory in town; and I could not resist. This image has been taken from the terrace of Villa Bardini, a former private residence now used for exhibitions. From there, it seems possible touching the heart of the city; and by night, Florence becomes even more magic. As said: I could not resist.


Firenze. Questa foto è una cartolina; una “facile” cartolina. Lo so. E non sono un grande amante di questo genere di foto. Ma è anche Firenze, la mia città, fotografata da quello che probabilmente è il punto di osserazione migliore possibile; e non ho potuto resistere. Questa foto è stata scattata dalla terrazza di Villa Bardini, in precedenza una residenza privata, oggi utilizzata per ospitare delle mostre. Da là, è possibile toccare il cuore della città; e di notte, Firenze diventa ancora più magica. Come detto, non ho potuto resistere.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Afterwork at the Esplanade de la Defense n.1

Paris (France). I frequently spend my after-work time walking around La Défense, a place where I come frequently (even now I’m on a flight from Milan to Paris); and that I have been photographing for years (most of my photos at La Defense are posted under this tag expressly created). Every time I wonder the same questions about this place. Do I like it? Honestly, I don’t know. How it could be living here? I can hardly answer this question too, and I admit I find myself watching residents trying to understand how is the quality of their lives. But the question in absolute terms most difficult to answer is always the same: how will be this place in – I don’t know, let’s say – ten years?

Yet, I must admit that in terms of photography, La Defense is still one of the most interesting places to explore in Paris; its architectures and its urban development are worth being analysed with attention, especially because they reveal a sort of historical stratification. Since the end of the ’50s, with the construction of the CNIT (Centre des nouvelles industries et technologies) building, through the ’70s and the ’80s with buildings such as the Tour Areva and the Tour Total, until beginning of 2000 with the erection of more futuristic skyscrapers like the Tour EDF, La Defense has become the largest business park in Europe.

Very personally, the feeling I have when I walk along its extended “Esplanade”, between the Grand Arche and the fountain close to Neully-sur-Seine, is the one of a place that has begun a slow but relentless and conscious decadence (even if embellished by marvelous early fall sunsets), and that for some aspects is even proud of it, according to the most typical Parisian style. The economic crisis, which has not spared France, the competition with other “banlieues”, which are trying to attract similar developments, and the transportation network, which has already reached its maximum capacity and therefore can’t increase the number of commuters transported daily, are posing serious obstacles to the growth of this area and probably it couldn’t be different.

If it’s true that knowing the past is necessary to understand the future, I think that the future of La Defense is written into its glorious (albeit unique) past, in its having been a symbol for the 20th century’s city planners, but also a place that has lost its leadership in favor of new different models. But It is still a place that is worth being visited and photographed, possibly posing some questions: and if someone has the answer(s) to mine, I’d be glad to know it.


Parigi. La Defense è una zona di Parigi che frequento molto per lavoro (anche adesso sono su un volo da Milano a Parigi) e dove mi capita spesso di camminare: nel tempo ho scattato diverse fotografie, che pubblico qui nel blog con un tag appositamente creato, e ogni volta mi interrogo su come sia questo posto. Mi piace? Non lo so. Come potrebbe essere vivere qui? Anche questa sinceramente è una domanda a cui rispondo a fatica, tanto che – lo ammetto – mi ritrovo a guardare con curiosità i residenti, cercando di capire la qualità della loro vita. Ma la domanda in assoluto più difficile è sempre la stessa: come sarà questo posto tra – non so, diciamo – dieci anni?

Eppure, devo ammettere che dal punto di vista fotografico rimane uno dei posti più interessanti di Parigi da esplorare; le sue architetture e il suo sviluppo urbanistico meritano di essere osservate con attenzione, soprattutto perché rivelano una sorta di “stratificazione” storica. Tra la fine degli anni ’50, con la costruzione dell’edificio CNIT (Centre des nouvelles industries et technologies), attraverso gli anni ’70 e ’80 con edifici come la Torre Areva e la Torre Total, fino a inizio 2000 con la realizzazione di grattacieli più avveniristici (tra cui la Torre EDF), La Defense ha visto uno sviluppo che l’ha portata a essere il più grande centro direzionale d’Europa.

Molto personalmente, la sensazione che si ha camminando dopo una giornata di lavoro lungo la sua enorme “Esplanade”, dal Grand Arche alla fontana in prossimità di Neully-sur-Seine, è quella di un posto che ha iniziato una lenta ma inesorabile e consapevole decadenza (magari abbellita dai meravigliosi tramonti di inizio autunno), e che per certi aspetti riesce ad andare fiero di questa cosa, nel più classico stile parigino. La crisi economica che ha colpito anche la Francia, la competizione di altre zone della banlieue che cercano di attirare analoghi sviluppi urbanistici e la saturazione dei mezzi di trasporto che difficilmente potrebbero portare nuovi afflussi di persone, stanno creando dei seri ostacoli alla crescita di questa area, e probabilmente non potrebbe essere diversamente.

Se è vero che per capire il futuro bisogna conoscere il passato, penso che il futuro di questo posto sia scritto nella sua storia gloriosa ma irripetibile, nel suo essere stato un luogo simbolo per l’urbanistica del ventesimo secolo ma che oggi ha perso la sua leadership a favore di altri modelli. Ma che rimane un posto da vedere, da fotografare, e sul quale porsi certe domande: e se qualcuno – alle mie – può darmi una risposta, sarei ben lieto di saperlo.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Cross Wind Landing in Venice

Venice (Italy). Another landing at Venice – VCE Marco Polo Airport. This time with a cross wind making the flight a bit turbulent, but also drawing beautiful wakes on the lagoon’s water. The complete set of my landings in Venice is here (every time a new experience).


Venezia (Italia). Un altro atterraggio all’aeroporto Marco Polo di Venezia (VCE). Questa volta con un vento trasversale che ha reso il volo un po’ turbolento, ma che ha anche disegnato bellissime scie sull’acqua della laguna. Qui c’è l’intera serie di atterraggi all’aeroporto di Venezia (ogni volta un’esperienza diversa).

 

2 Facebook Twitter Google + Pinterest
Annie Leibovitz. Women: New Portraits at Fabbrica Orobia 15

Milan (Italy). Yesterday I visited the Annie Leibovitz exhibition “Women: New Portraits” at the Fabbrica Orobia 15, inthe southern part of Milan (not far from the Fondazione Prada).

Very frankly speaking, the exhibition itself did not excite me very much: the portraits were too close to each other, arranged along the same wall in four rows, and this caused a considerable overcrowding in front of them. This is a little bit ironic considering the large amount of space available here at the Orobia factory, with its 3,000 square meters of covered area! Some other images, including historical ones such as Patty Smith or Queen Elizabeth II, were projected on a big screen, preventing the viewer to feel the emotion given by the proximity to a printed photo.

At the center of this former factory with its industrial architecture dating back to 1920s, there was a long table with several photography books (most of them of the same Annie Leibovitz) and armchairs where people could relax and read: an original solution appreciated by the public.

At the end, instead of watching the show, I found myself photographing the surreal atmosphere given by this place, and I must say that I liked. But my conclusion is that I would not recommend this exhibition.


Milano. Sono stato a vedere la mostra di Annie Leibovitz, dal titolo “Women: New Portraits” presso la Fabbrica Orobia 15, nella zona sud di Milano (vicino alla Fondazione Prada).

La mostra non mi ha esaltato, devo dirlo molto sinceramente: i ritratti erano troppo vicini tra loro, disposti su quattro file fino al pavimento, e questo causava un notevole affollamento. Un po’ paradossale se si considera l’ampiezza dello spazio a disposizione all’interno della Fabbrica Orobia con i suoi 3,000 metri quadrati di superficie coperta! Altre immagini, comprese alcune storiche, come quelle di Patty Smith, o della Regina Elisabetta II, venivano proiettate su un maxi-schermo, togliendo all’osservatore l’emozione che la prossimità della foto stampata riesce a dare.

Al centro della grande Fabbrica con la sua architettura industriale risalente al 1920, si trova un lungo tavolo con molti libri di fotografie (la maggior parte dei quali della stessa Annie Leibovitz) e delle poltrone dove poterli consultare liberamente: una scelta originale che il pubblico ha dimostrato di gradire.

Alla fine, invece che guardare la mostra, mi sono ritrovato a fotografare l’atmosfera un po’ surreale di questo posto, e devo dire che l’insieme degli ambienti mi è piaciuto. Ma è una mostra che non mi sento di consigliare.

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Traffic On the Canal Grande in Venice

Venice (Italy). I actually have almost 120 photos ready to be published here in my blog, but I’m posting less than one of them per week. I don’t know why, perhaps I’m in a phase in which I feel I do not have too much to say.

What if I realize that I shouldn’t have always something to say?

Let’s start with this one: I think I do no need to explain where I was… either I do not need to describe how beautiful can be Venice, its Gran Canal, at sunset. I could say something on how crowded it can be, mostly useless words.

So, here it is: the photo; just it.

Take it.

Or leave it.

Ciao


Venezia. Ho quasi 120 foto pronte per essere pubblicate qui nel mio blog, ma ne sto postando meno di una a settimana. Non so come mai, forse perchè sono in una fase in cui mi sembra di non avere molto da dire.

Che succede se realizzassi finalmente che non è necessario avere sempre qualcosa da dire?

Iniziamo con questa: penso che non ci sia bisogno di spiegare dov’ero… nè di descrivere la bellezza di Venezia con il Canal Grande al tramonto. Potrei parlare di quanto questo possa essere affollato, ma sarebbero prevalentemente parole inutili.

Per cui, ecco la foto; nient’altro.

Prendere.

O lasciare.

Ciao

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Reflections on the Canal Grande in Trieste at Sunset

Trieste, (Italy). Afternoon break along the Canal Grande (Grand Canal) in Trieste, when the sun goes down and the facades of the buildings around it are reflected on the water surface.

A walk along the Canal Grande in Trieste is a real pleasure and a must-do of those visiting this city: it is definitely less popular than the Venetian namesake, but it’s never too much crowded, offering the possibility to stroll about, standing and watching the life in Trieste flowing around…


Trieste (Italia). Pausa pomeridiana lungo il Canal Grande di Trieste, quando il sole inizia a scendere e le facciate dei palazzi intorno si riflettono sull’acqua.

Una passeggiata lungo il Canal Grande di Trieste è un vero piacere ed è una delle cose da fare quando si visita la città: è sicuramente meno famoso dell’omonimo veneziano, ma non è mai troppo affollato, ed offre la possibilità di fare due passi fermandosi e ammirando la vita di Trieste che scorre intorno…

 

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Reframe by Ai Weiwei at Palazzo Strozzi, Florence

Florence (Italy). Last weekend I was walking around the downtown of Florence, when I saw this interesting installation made by the contemporary Chinese artist Ai Weiwei. It’s a serie of 22 rubber boats positioned in correspondence to Palazzo Strozzi’s windows, on its façade. The installation’s title is “Reframe – Nuova Cornice” (new frame). In these years the same type of boats have been used by refugees which, escaping misery and looking for a better life, cross the Mediterranean Sea and arrive in Italy – in Europe, to be more precise. For this reason, I considered it appropriate including in the composition an European flag, a traffic sign indicating “no access” (which is more or less what Europe answers to their request) and the shopping window of the luxury brand Louis Vuitton…


Firenze. Lo scorso fine settimana, passeggiando per il centro di Firenze, ho visto questa interessante installazione dell’artista contemporaneo cinese Ai Weiwei. Si tratta di una serie di gommoni, montati sulla facciata di Palazzo Strozzi, in corrispondenza delle sue finestre. Il nome dell’installazione è “Reframe – Nuova Cornice”. Si tratta degli stessi gommoni utilizzati dai profughi per attraversare il Mar Mediterraneo ed arrivare in Italia – o meglio in Europa – e scappare dalla loro miseria alla ricerca di una vita migliore. Per questo motivo, ho ritenuto appropriato includere nella composizione della mia foto sia una bandiera europea, che un cartello di divieto di accesso, che la vetrina di Louis Vuitton…

0 Facebook Twitter Google + Pinterest
Newer Posts